• No products in the cart.
CartTotal:0,00 
diario crafter

Diario tragicomico di una Crafter | Lo confesso….

Giuro che ho cercato di rimanere seria in questo sito, ma adesso ho deciso di iniziare a raccontarmi sotto una veste un po’ diversa!

Come in una riunione degli alcolisti anonimi, prendo la parola e lo confesso: sono ormai una Crafter incallita da 10 anni. Ho iniziato per caso ed ho perseverato per scelta. Proprio come quelli che si definiscono “single per scelta” … quando in realtà non c’è nessuno che se li fila, così è successo a me: nell’impotenza di trovare un lavoro “tradizionale” decente ho deciso di fare quello che amavo fare, in modo professionale.

Non che avessi grandi pretese: volevo solo un lavoro con orari umani, perché le 12 ore su 24 che facevo mi sembravano un po’ tantino… (6 giorni su 7), volevo un lavoro senza subire mobbing, uno di quei lavori in cui non devi leccare il culo al capo o al vice per avere i giorni di riposo (che ti spetterebbero da contratto), uno di quei lavori in cui non cazziano se devi prenderti qualche ora per una visita medica, uno di quei lavori in cui non sei obbligato a fare gli straordinari (tutti i giorni, per almeno 4 ore e pagati in nero). Volevo un lavoro che mi permettesse di concepire ed allevare un figlio, e magari un lavoro che fosse anche retribuito equamente… uno di quei lavori in cui non devi strisciare e supplicare per avere la paga. Ok volevo troppo, ero un’illusa, una sognatrice.

Per questo eccesso di illusioni è iniziata la mia dipendenza da Do It Yourself, ho pensato che da sola potevo fare di meglio e ho sfidato le invettive dei parenti aprendo  nel 2006 il mio laboratorio di artigianato, tanto ai cazziatoni ci ero abituata!

Sono inciampata su Youtube nel lontano 2007 dove pubblicai un primissimo video con una sottospecie di orripilante folletto modellato a mano, che facevo ruotare su un sottopiatto girevole di Ikea …. già ero la maga degli effetti speciali U_U

Il tentativo era quello di far vedere la mia “opera omnia” da tutti i punti di vista, ed ho avuto il coraggio di far rimanere il video online per diversi anni, era addirittura linkato nel mio preistorico blog. Ve li ricordate i blog di msn? Il mio era uno dei quei blog dove potevi mettere il fondo scuro che faceva più figo e poi potevi infarcirli di widget laterali tipo “da quale posto sperduto nel mondo vengono i tuoi … 4 visitatori?” … e poooooi si potevano inserire fantastiche gif animate che sul fondo buio erano davvero… suggestive (argh).

Nel corso degli anni ho cancellato dal web queste testimonianze storiche della mia demenza e spero di averlo fatto davvero in ogni traccia… e spero di averle cancellate dalle memoria di quelle persone che imperterrite da allora mi seguono ancora… siii … qualcuna c’è!! Sono sopravvissute! Io lo so… loro sanno!!! Stalker!!

Poi è arrivato il giorno in cui mi sono fatta convincere a fare sul serio con Youtube ed a caricare i miei primi video… Ho fatto resistenza all’idea per oltre un anno, dicevo “ma no io mi vergogno”, “ma poi ci devo mettere la faccia”, “ma che devo pure parlare?” … e alla fine mi sono convinta, per “colpa” di Claudietta! Se sei appassionato di paste polimeriche la conoscerai senz’altro, sto parlando di Polymer Claus o Missi Claus, che per me sarà sempre Claudietta. Ed è per lei il primo grazie di questa rubrica!

Ero abituata a creare compulsivamente oggetti da vendere nel mio laboratorio, ma nel 2009 i miei ritmi lavorativi sono stati felicemente e completamente sconvolti dalla missione mamma!!!

Stare a casa con la mia bimba piccola era fantastico: pappa, nanna, giochi, urla, capricci, pipì, pupù, pannolini… bello! Tutto quello che avevo sempre sognato… beh no pipì, pupù, pannolini, urla e capricci non li avevo proprio sognati, ma tocca prende il pacchetto completo, si sà!

Avevo dunque bisogno di uno spazio per me… e volevo di condividere quello che avevo imparato da autodidatta. No, ritratto tutto: avevo bisogno di socializzare con persone adulte altrimenti bisognava chiamà la neuro!

Vi piace questa storia? Continuo? Rispondetemi su Facebook!