• No products in the cart.
CartTotal:0,00 
diario crafter youtuber

Diario tragicomico di una Crafter | Youtuber = Fantozzi

Diario tragicomico di una Crafter | Youtuber = Fantozzi

Beh si, qualcuno mi sta seguendo… quindi per la gioia di pochi continuo a raccontarvi come un’architettA laureata col massimo dei voti sia finita a “fa le collanine”*!

Vi accennavo come dopo aver rinnegato LA professione, dopo aver sfanculato il posto fisso in un negozio di arredamento (e dopo aver sfanculato anche il capo, il vicecapo e i colleghi MOBBER con ancor più soddisfazione), ho così aperto il mio piccolo laboratorio in un piccolo paesino di provincia… parallelamente facevo anche un altro lavoro, ma questa è un’altra storia!

Poi sono diventata mamma e dopo un paio di anni anche Youtuber.

Si, Youtuber. Il potere di      una       singola       parola.

Se lo dico a voce alta vedo ogni volta persone impallidire.

Ormai in borsa porto una praticissima vanga pieghevole con manico estendibile per scavarmi la fossa quando emerge questa triste verità. In realtà cerco di rimanere in incognito il più possibile quando conosco gente nuova… ma poi (mannaggia a me) questa “cosa” esce fuori, perché io non sò tenermi un cecio in bocca!

Potrei fare la signora distinta ed elegante che crea in casa i suoi giUOielli esclusivi e li vende ad una pregIUevole clientela accuratamente selezionata…. einveceno!!! E’ più forte di me, se mi dicono “ah che carino questo ciondolo!” io non rispondo “grazie” o …. “si, grazie, l’ho fatto io…”, non mi trattengo … e a volte dico…  “grazie, si l’ho fatto per un tutorial su Youtube…”

E lì si apre un mondo …. “ah ma daaaai tu fai video su Youtube” che suona ancor peggio di “fa le collanine”* …. e tra chi gira lo sguardo schifato, chi si sta chiedendo cosa significhi (non si sono estinti!), ci sono quellE che proseguono il discorso con un classico “adesso che vado a casa me li guardo!” e con un sottinteso “e a ridere di te, anzi mò lo dico pure a tizia, caia e sempronia così ci prendiamo un tè guardando le tue figure di merda in mondovisione!”

Alla sola pronuncia della parola “Yooooouuuuutuuuube” io posso nettamente vedere il film che si stanno facendo nella loro testa: mi immaginano lì, impacciata davanti alla telecamera, a mostrare le collanine* … o magari seduta sul bordo del letto a raccontare i fatti miei, a fare il verso alle Youtuber quelle famose, brave … e disinvolte!

E pensa che delusione quando devono cercare tra 428 video in cui si vedono solo le mie mani i pochissimi (forse una decina) in cui si vede il mio volto!! Certo purtroppo lì mi vedranno davvero impacciata, ma il peggio è che …. mi vedranno ingrassataaaaaaaaaaa!!!!!

Non potete capire quanti chili aggiunge la telecamera!!! E poi io non sono una Youtuber di quelle brave, non mi sò inquadrare da un’angolatura decente, né con una luce decente, non mi sò truccare e comunque non sono una di quelle magre ecco! Ma neanche così grassa come sembro, uffa!!!

Quindi sappiate che ogni volta che faccio un video face to face muore un pezzetto della mia (già carente) autostima.

Se volete che NON continui con questi strazianti monologhi, lasciatemi un commento su Facebook, altrimenti… peggio per voi!

faccebuffe


*cit.: mia madre quando alcuni suoi amici di gioventù entrarono in laboratorio e le dissero “ma che carino, tua figlia ha aperto questo negozio?”, lei prontamente “si, eeeh (*sospiro*) con una laurea s’è messa a fà le collanine!!”

“Ogni scarrafone è bello a mamma sua” con mia madre non vale, sapevatelo.