• No products in the cart.
Cart Total:0,00 

Come fare un Calco Cabochon con Gomma Siliconica Liquida Sil 20 Res Chimica

Come fare un Calco Cabochon con Gomma Siliconica Liquida Sil 20 Res Chimica

Da due anni e mezzo creo da sola i miei calchi per la resina, i miei primissimi esperimenti li ho pubblicati in questo video.

Qualche persona che ha iniziato a seguirmi solo di recente ha creduto che io fossi una newbie della resina arrivata solo ora a questo tipo di conoscenze, la realtà è che in questo periodo per una serie di impegni lavorativi mi trovo a pubblicare un numero maggiore di video foto ed articoli relativi alla resina, ma è tra le diverse discipline creative che studio da anni, infatti risale già al 2015 il mio primo corso sulle resine.

Con la pubblicazione di questo video ho voluto rendervi partecipi della realizzazione di uno dei due calchi a vassoio per cabochon fatti appositamente per il Resin Workshop che ho tenuto presso la Libreria Gela a Roma, questo tipo di calchi li faccio utilizzare correntemente nei miei corsi a studio Resin Art.

Invece di rivestire interamente la scatola con lo scotch biadesivo (come avevo mostrato in un precedente tutorial) ho ricoperto solo la parte inferiore dei cabochon, visto che la scatola era più grande di quelle che utilizzo più frequentemente.

Ma la mia scoperta più recente è l’utilizzo della gomma siliconica Sil 20 della Res Chimica, grazie alla collaborazione con questa azienda. Ho trovato ottima questa gomma che ha 20 shore per i calchi a vassoio perché devono rimanere meno flessibili degli altri calchi (di dimensioni inferiori o di spessore maggiore).

Questi calchi devono rimanere meno flessibili perché dopo aver creato i cabochon spesso c’è necessità di spostare il calco dal piano di lavoro in attesa della catalizzazione, senza che la resina trabocchi come accade spesso con i cachi molto flessibili. Rimane comunque valido e consigliabile l’utilizzo di una mattonella o un cartone rigido sotto al calco per poterlo poi spostare ancora più facilmente.

Un’altra questione importante, emersa spesso nelle domande fatte ai corsi, è quella relativa alla lucidità del calco e della resina colata nel calco. Le gomme siliconiche riproducono esattamente le caratteristiche dell’oggetto da cui viene presa la forma per cui ad esempio se prendiamo il calco da una pietra opaca, porosa e con piccole irregolarità, la resina che sarà colata in quel calco avrà esattamente le stesse caratteristiche superficiali della pietra, e nel momento in cui la superficie è satinata la resina sembra anche meno trasparente (come i vetri acidati o texturizzati). Se invece prendiamo il calco di una pietra lucida avremo un oggetto in resina altrettanto lucido e molto trasparente, ovviamente nel caso in cui la resina non sia stata colorata.

La lucidità del calco la potete controllare semplicemente guardandolo, un calco satinato può essere usato per ottenere delle imitazioni più veritiere di alcune pietre dure, come il lapislazzuli. Se invece volete ottenere un oggetto lucido potete percorrere due strade: la prima è quella di lucidare l’oggetto da riprodurre prima di realizzare il calco, la seconda è quella di lucidare gli oggetti satinati quando escono dal calco.

Parleremo però dei diversi metodi di lucidatura in uno dei prossimi articoli, se ti interessa il tema continua a seguirmi!

Se hai delle domande in merito puoi scrivermi nei commenti sotto al video e non dimenticare di mettere il pollice in su.

Qui puoi trovare una panoramica delle mie creazioni in resina, inoltre se vuoi vedere altri video sulla resina puoi consultare questo articolo e  questa pagina e ti ricordo ancora una volta che svolgo regolarmente dei corsi sui gioielli in resina e anche sui calchi.

Se hai trovato utile questo post non dimenticare di condividerlo sui social.

Ecco qualche immagine delle creazioni realizzate nel Resin Workshop presso la Libreria Gela.

calco cabochon

calco cabochon